• giovedì, dicembre 14, 2017

Come ottenere il massimo dalla Fatturazione Elettronica B2B

Fatturazione Elettronica privati
InfoCert
maggio04/ 2016

Il 2016 sarà un anno decisivo per la Fatturazione Elettronica tra privati. Pronti a coglierne tutti i vantaggi?

Fatturazione Elettronica privati

6 anni fa, con la legge finanziaria 2008, la Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione veniva introdotta nel panorama normativo italiano. Il 6 giugno 2014 inviare e ricevere fatture esclusivamente in formato elettronico diventava un obbligo per tutte le Amministrazioni Centrali dello Stato e il 31 marzo 2015 lo stesso obbligo veniva esteso alle Amministrazioni locali.

Con più di 35 milioni di uffici pubblici, 1 milione di ditte fornitrici e volumi di oltre 2,5 milioni di fatture elettroniche inoltrate ogni mese attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), possiamo affermare che il 2015 è stato l’anno della crescita e messa a regime del sistema di Fatturazione Elettronica verso la PA.

Il 2016 sarà invece quello della Fatturazione tra privati e per favorirne l’adozione da parte di aziende e professionisti il Governo ha già predisposto un piano di interventi ed incentivi in campo fiscale (scoprili nel nostro articolo “Fatturazione Elettronica, ecco gli incentivi per i privati che la adotteranno”).

Differenze tra Fatturazione Elettronica PA e B2B

Fatturazione elettronica b2b

Oltre alla mancanza di un obbligo normativo, ci saranno ulteriori differenze tra la Fatturazione Elettronica verso la PA e quella tra soggetti privati.

Le ditte fornitrici della Pubblica Amministrazione sono anzitutto tenute a rispettare un linguaggio standard per la creazione delle fatture elettroniche: l’XML “Tracciato FatturaPA”. Prima del loro invio le fatture in formato XML devono essere firmate digitalmente dal fornitore/prestatore con una propria firma digitale e, successivamente, essere conservate digitalmente a norma per 10 anni.

Imprese e professionisti potranno fatturare verso altri soggetti privati in formato elettronico o cartaceo, ma chi sceglierà il sistema tradizionale, oltre a non aver diritto agli incentivi su indicati, dovrà pagare un costo in più in termini di adempimenti burocratici.

Le fatture elettroniche dirette ai privati potranno essere:

  • create secondo un formato strutturato, firmate digitalmente e inviate via SdI;
  • create secondo un formato strutturato, ma non necessariamente firmate digitalmente, e inviate via EDI (Electronic Data Interchange);
  • create e inviate in formato elettronico, non necessariamente strutturato, né firmate digitalmente.

In ogni caso, anche le fatture elettroniche b2b vanno conservate digitalmente così come quelle destinate alle PA.

Digitalizzare i processi, il vero vantaggio della Fatturazione Elettronica

Digitalizzare processi

Per ottenere vantaggi e benefici sostanziali dal passaggio alla Fatturazione Elettronica è necessario non limitarsi a una semplice sostituzione del formato cartaceo con quello elettronico.

Liberare l’ufficio dal peso della carta è certamente già vantaggioso, in quanto consente di eliminare una serie di costi legati ad attività di trascrizione dati, fascicolazione, classificazione, movimentazione, invio di documenti, oltre che alla loro conservazione.

È però molto più conveniente e vantaggioso compiere un passo in più e adottare un approccio a più ampio raggio, regolamentato in dettaglio e orientato alla gestione per processi, rispetto a un approccio parziale e di minor impatto organizzativo. Una gestione ibrida dei processi aziendali, in parte cartacea e in parte elettronica, rischia di vanificare gli sforzi sostenuti per dotarsi di strumenti digitali e ridurre fortemente i benefici attesi, in termini di efficienza, produttività e risparmio.

Non possiamo che essere pienamente d’accordo con Paolo Catti, responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano, quando afferma che «il vero valore della Fatturazione elettronica non è quello di poter inviare fatture senza passare dalla posta cartacea e dal postino, bensì quello di stimolare le imprese a emettere, ricevere e gestire documenti transazionali di business in formato elettronico elaborabile».

4 maggio 2016

SCOPRI TUTTE LE NOSTRE SOLUZIONI INNOVATIVE PER PASSARE AL DIGITALE SU

soluzioni infocert

www.infocert.it

InfoCert

InfoCert, Gruppo Tecnoinvestimenti, è leader del mercato italiano dei servizi di digitalizzazione e dematerializzazione nonché una delle principali Certification Authority a livello europeo per i servizi di Posta Elettronica Certificata, Firma Digitale e per la conservazione digitale dei documenti. InfoCert è gestore accreditato AgID dell’identità digitale di cittadini e imprese nell’ambito di SPID (Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale).
InfoCert sta espandendo le sue attività internazionalmente e nel 2016 ha venduto i suoi servizi di trasformazione digitale in oltre dieci stati esteri.

Dicci cosa ne pensi