• Today is: mercoledì, luglio 26, 2017

Nuovo APE e firma digitale, per scrivere il futuro della certificazione energetica

Certificazione energetica nuovo ape e firma digitale
InfoCert
ottobre06/ 2015

Perché digitalizzare l’Attestato di Prestazione Energetica utilizzando firma digitale e grafometrica?

Certificazione energetica nuovo ape e firma digitale

Il 1° ottobre del 2015 è stato scritto un nuovo capitolo nella storia della certificazione energetica degli edifici in Italia. In questa data sono infatti state fissate per legge le caratteristiche del nuovo APE (Attestato di Prestazione Energetica) che diventa unico per tutto il territorio nazionale. Ma facciamo un passo indietro e vediamo brevemente il passato della certificazione energetica così da poterne meglio comprendere gli sviluppi futuri e la possibilità di utilizzare la firma digitale anche in quest’ambito.

BREVE STORIA DELL’ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

Cominciamo col chiarire che la certificazione energetica degli edifici prevede una procedura di valutazione, eseguita da un tecnico abilitato, che ha come scopo la redazione di un documento. Tale documento, fino a marzo 2013, era l’ACE (Attestato di Certificazione Energetica). Successivamente l’ACE è stato sostituito dall’APE, che presentava alcune novità: informazioni più chiare, significative e utili per l’utente e una impostazione grafica di più facile lettura. Nell’Ape vengono elencate informazioni relative all’edificio e ai suoi consumi (fotografia dell’immobile, classe energetica, scala di prestazione energetica, emissioni annuali di CO2 e così via).

Principali obbiettivi dell’attestato di prestazione energetica sono: fornire ad acquirenti e locatari di immobili un’informazione oggettiva e trasparente sulle caratteristiche e spese energetiche degli immobili stessi; incoraggiare interventi utili a migliorare l’efficienza energetica degli immobili; dare un riconoscimento a quei proprietari che apportano miglioramenti utili al risparmio energetico, con conseguente aumento del valore del proprio edificio.

ULTIME NOVITÀ, APE UNICO E FIRMA DIGITALE

Come dicevamo, dal 1° ottobre l’APE si rinnova in seguito a un decreto approvato dal Governo. Oltre a prevedere nuove modalità di calcolo della prestazione energetica e requisiti minimi di efficienza, il nuovo APE sarà unico per tutto il territorio italiano, superando la “frammentazione” locale fin’ora esistente. Una novità importante riguarda la possibilità, che in certi casi diventa obbligo, di produrre l’attestato in formato elettronico e firmarlo digitalmente (a garanzia della sua validità legale). Molti regolamenti regionali impongono la sottoscrizione degli Attestati di Prestazione Energetica con firma digitale, altri lasciano libertà di scelta ma digitalizzare il processo, in ogni caso, conviene. Per comprenderlo passiamo in rassegna tutti i casi possibili.

PROCEDURE DI RILASCIO DEGLI APE, DAL CARTACEO AL DIGITALE

Una prima possibilità, applicabile solo nel caso di regolamento regionale in cui la firma digitale non sia obbligatoria, è seguire la procedura tradizionale. In questo caso il Soggetto Certificatore che produce l’APE dovrà: firmare a mano il documento, consegnarlo al richiedente e trasmetterne una copia alla Regione o Provincia autonoma entro 15 giorni dalla consegna.

Nel caso la firma digitale sia richiesta obbligatoriamente le possibilità sono due.

  1. Il Soggetto Certificatore produce l’APE attraverso i tools regionali, lo stampa, lo timbra, lo firma manualmente e ne fa una scansione. Al documento scannerizzato va apposta la firma digitale (e timbro), dopodiché può essere trasmesso ed archiviato sul sistema informativo regionale.
  2. Il Soggetto Certificatore produce l’APE e, senza bisogno di stamparlo, lo firma utilizzando la firma grafometrica. Sottoscrive con la firma digitale (e timbro) e trasmette il documento perché venga direttamente archiviato sul sistema informativo regionale.

Ciò significa che sfruttando la firma grafometrica insieme alla firma digitale è possibile eliminare completamente il cartaceo. Basterà dotarsi di un tablet o di un pad di firma per apporre la stessa direttamente sul documento digitale ed evitare di stamparlo e scannerizzarlo. Così facendo non occorrerà nemmeno recarsi in posta, o direttamente negli uffici competenti, per spedire o consegnare la copia cartacea del nostro Attestato di Prestazione energetica. Digitalizzando renderemo tutta la procedura più semplice e veloce e grazie alla firma digitale saranno garantite l’autenticità e la piena validità legale dell’Attestato in formato elettronico.

Per saperne di più su firma digitale e grafometrica date uno sguardo ai nostri articoli:

Sulla rivoluzione annunciata dal nuovo APE e dalla Firma Digitale potete anche vedere il seguente webinar, che trovate sul canale youtube di InfoCert.

6 ottobre 2015

Dicci cosa ne pensi