• Today is: mercoledì, ottobre 18, 2017

Il nuovo record dei Pagamenti Elettronici

E-payment
InfoCert
ottobre26/ 2016

LA DIGITALIZZAZIONE DEI PAGAMENTI SEGNA UN NUOVO RECORD CON UN INCREMENTO DEL 10% IN UN ANNO

E-payment

Stando ai dati contenuti nel World Payments Report 2016, nel corso del 2015 il mercato dei pagamenti in digitale ha registrato un incremento del 10%. Un nuovo record che ha superato la crescita dell’anno precedente (+8,9%) con 426,3 miliardi di transazioni.

I più alti tassi di crescita riguardano i Paesi in via di sviluppo, dove i pagamenti elettronici sono cresciuti del 16,7%, contro un +6% dei mercati maturi (che detengono però ancora il 71% del volume globale complessivo). In Italia le previsioni parlano di un volume di oltre 26 miliardi in transazioni digitali entro la fine di quest’anno. Nel nostro Paese la carta-moneta rappresenta ancora l’80% delle transazioni, ma in due anni la crescita dei pagamenti elettronici ha avuto un ritmo superiore a quello della media europea.

PSD II, PIÙ SICUREZZA E UN MERCATO EUROPEO INTEGRATO PER I PAGAMENTI IN DIGITALE

SEPA PSD2

Tra le cause di questo boom di pagamenti digitali, oltre ai programmi messi a punto dai governi per la loro promozione (ad es. la Fatturazione Elettronica), va segnalata l’adozione di crescenti misure in difesa della sicurezza. Ne è un esempio la Payment Services Directive II (PSD II), seconda versione della direttiva sui servizi di pagamento adottata dal Parlamento Europeo.

La rapida crescita dei pagamenti elettronici, la commercializzazione di nuovi tipi di servizi di pagamento e ulteriori innovazioni tecniche hanno rimesso in discussione il quadro normativo precedente. Molti prodotti e servizi di pagamento innovativi non rientravano, interamente o in buona parte, nell’ambito di applicazione della direttiva precedente, rendendo difficile ai prestatori di servizi di pagamento lanciare servizi di pagamento digitali innovativi, sicuri e di facile utilizzo.

La PSD II ha rimediato ad una situazione di incertezza giuridica, potenziali rischi per la sicurezza della catena di pagamento e mancanza di protezione dei consumatori in alcuni settori.

L’APPROCCIO DIGITAL FIRST DELLE BANCHE ONLINE: L’ESEMPIO DI WIDIBA

Banca online

Sfruttando le nuove opportunità di innovazione offerte dalla PSD II, diverse banche hanno adottato un approccio Digital First e deciso di utilizzare la tecnologia per offrire numerosi servizi online ai propri clienti. Servizi immediati, efficienti e con una semplicità d’uso al livello di Amazon e altri famosi servizi di e-commerce.

Le soluzioni digitali permettono una gestione più semplice, pratica ed economica di tutti i servizi bancari. Ne è un esempio Widiba, che offre ai propri clienti Firma Digitale, PEC e il Riconoscimento Web InfoCert.

26 ottobre 2016

SPID RENDE PIÙ SICURI I PAGAMENTI ONLINE

Scopri come, nella nostra

Secure payment

Pillola di Spid #2

 

InfoCert

InfoCert, Gruppo Tecnoinvestimenti, è leader del mercato italiano dei servizi di digitalizzazione e dematerializzazione nonché una delle principali Certification Authority a livello europeo per i servizi di Posta Elettronica Certificata, Firma Digitale e per la conservazione digitale dei documenti. InfoCert è gestore accreditato AgID dell’identità digitale di cittadini e imprese nell’ambito di SPID (Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale). InfoCert sta espandendo le sue attività internazionalmente e nel 2016 ha venduto i suoi servizi di trasformazione digitale in oltre dieci stati esteri.

Dicci cosa ne pensi