• martedì, ottobre 23, 2018

Fatturazione Elettronica B2B, come non arrivare impreparati a gennaio 2019?

fattura b2b 2019

IN VISTA DELL’OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA B2B DI GENNAIO 2019, L’OFFERTA DI FATTURAZIONE ELETTRONICA INFOCERT LEGALINVOICE SI ARRICCHISCE DI NUOVE SOLUZIONI

fattura b2b 2019

Come è noto, il 28 giugno 2018 il Decreto Legge 79/2018 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale ha sancito la proroga al 1° gennaio 2019 dell’obbligo di fatturazione elettronica B2B per le cessioni di carburanti per motori ad uso autotrazione rese da impianti stradali di distribuzione. Oltre che per i benzinai, dal 1° gennaio 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica varrà però per tutti: aziende, professionisti, partite IVA e PA. È quindi necessario muoversi subito per non arrivare impreparati al nuovo appuntamento, vediamo come.

mail_vector_icon_white  Non perdere le ultime novità dal mondo del Digital Trust: iscriviti alla Newsletter »

FATTURAZIONE ELETTRONICA B2B, LA FOTOGRAFIA DELL’OSSERVATORIO DEL POLITECNICO DI MILANO

fatturazione-xml-PAConsideriamo anzitutto la situazione di partenza, prendendo come riferimento uno studio recentemente condotto dall’Osservatorio Fatturazione Elettronica e eCommerce B2B del Politecnico di Milano su 126 grandi imprese (con oltre 250 dipendenti) e 218 medie, piccole e microimprese (con meno di 250 dipendenti).

Secondo i dati presentati, buona parte delle aziende italiane si dice pronta ad affrontare il nuovo obbligo di fatturazione elettronica b2b. Ma c’è di più, poiché risulta che il 69% delle PMI e microimprese e  l’84% delle grandi aziende vedono positivamente l’introduzione dell’obbligo e considerano la fatturazione elettronica uno strumento utile per ottimizzare i processi e ridurre l’evasione fiscale. L’adempimento non è considerato un problema dalle aziende, che tuttavia non escludendo che dei problemi possano essere riscontrati dai loro clienti e fornitori.

Solamente il 9% delle Piccole e Medie Imprese e il 5% delle grandi imprese non avrebbe ancora stabilito con che tipo di soluzione rispondere all’obbligo. Il resto del campione ha invece già deciso di puntare sull’adeguamento del proprio sistema ERP o gestionale aziendale, sull’outsourcing o su una soluzione mista. Rispetto alle grandi imprese le PMI risulterebbero più propense a rivolgersi al proprio commercialista di fiducia.

Ad oggi, sono 1,5 miliardi le fatture scambiate ogni anno in Italia. Il 5,3% di queste (circa 80 milioni) è in formato fattura elettronica XML, il resto (1,42 miliardi) è costituito da fatture cartacee o in formato PDF. Su 80 milioni di fatture elettroniche, 50 milioni sono inviati utilizzando piattaforme EDI, i restanti 30 milioni tramite il Sistema di Interscambio (SdI) che anche i privati dovranno utilizzare da gennaio 2019.

I VANTAGGI DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA B2B: LOTTA ALL’EVASIONE E RISPARMI IMMEDIATI PER LE AZIENDE

fatturazione-elettronica-b2b2Secondo Claudio Rorato, Direttore dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica e eCommerce B2B del Politecnico di Milano, l’obbligo di fatturazione elettronica tra privati da gennaio 2019 sarà un utile strumento con cui contrastare l’evasione fiscale: « in Europa ci sono 160 miliardi di euro di evasione IVA di cui 40 miliardi, e cioè ben il 25%, sono evasi in Italia. Di questi, circa 25 miliardi sono intercettabili con la fatturazione elettronica».

Ma in molti, tra cui anche il Direttore Rorato, sostengono che la fatturazione elettronica b2b andrà soprattutto a vantaggio delle aziende, sia grandi che piccole. Sempre l’Osservatorio del Polimi ha stimato che la sola introduzione di una soluzione per la gestione della fatturazione elettronica permetterà alle imprese di risparmiare tra i 5,5 e gli 8,2 euro a fattura, mentre la digitalizzazione dell’intero ciclo dell’ordine porterebbe a gestire in modo semplice e veloce tutti i documenti su cui ruota l’attività amministrativa e produttiva dell’azienda con un risparmio tra i 25 e i 65 euro per ciclo.

È quindi opportuno puntare a un’efficace integrazione del processo di fatturazione elettronica con i sistemi gestionali e informativi dell’azienda. È avendo in mente proprio questo obiettivo che InfoCert ha rinnovato e arricchito la  propria offerta di soluzioni di fatturazione elettronica PA e B2B con Legalinvoice PRO e Legalinvoice START.

Si tratta di soluzioni che vengono incontro alle esigenze di piccole, grandi aziende e PMI nonché di commercialisti, consulenti del lavoro e altri intermediari che intendono offrire di più ai clienti del proprio studio.

18 luglio 2018

SCOPRI LA NUOVA OFFERTA DI FATTURAZIONE B2B INFOCERT LEGALINVOICE

lagalinvoice

Legalinvoice START o PRO

Dicci cosa ne pensi