Our Digital Trust. Your Business Value. | Our Group: Logo InfoCert Logo Camerfirma Logo Sixtema
DF Magazine: Digital Future Magazine Local editions: italian flag luxembourgish flag
  • mercoledì, Dicembre 2, 2020

Come ottenere il massimo dalla Fatturazione Elettronica B2B

Fatturazione Elettronica privati

Il 2016 sarà un anno decisivo per la Fatturazione Elettronica tra privati. Pronti a coglierne tutti i vantaggi?

Fatturazione Elettronica privati

6 anni fa, con la legge finanziaria 2008, la Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione veniva introdotta nel panorama normativo italiano. Il 6 giugno 2014 inviare e ricevere fatture esclusivamente in formato elettronico diventava un obbligo per tutte le Amministrazioni Centrali dello Stato e il 31 marzo 2015 lo stesso obbligo veniva esteso alle Amministrazioni locali.

Con più di 35 milioni di uffici pubblici, 1 milione di ditte fornitrici e volumi di oltre 2,5 milioni di fatture elettroniche inoltrate ogni mese attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), possiamo affermare che il 2015 è stato l’anno della crescita e messa a regime del sistema di Fatturazione Elettronica verso la PA.

Il 2016 sarà invece quello della Fatturazione tra privati e per favorirne l’adozione da parte di aziende e professionisti il Governo ha già predisposto un piano di interventi ed incentivi in campo fiscale (scoprili nel nostro articolo “Fatturazione Elettronica, ecco gli incentivi per i privati che la adotteranno”).

Differenze tra Fatturazione Elettronica PA e B2B

Fatturazione elettronica b2b

Oltre alla mancanza di un obbligo normativo, ci saranno ulteriori differenze tra la Fatturazione Elettronica verso la PA e quella tra soggetti privati.

Le ditte fornitrici della Pubblica Amministrazione sono anzitutto tenute a rispettare un linguaggio standard per la creazione delle fatture elettroniche: l’XML “Tracciato FatturaPA”. Prima del loro invio le fatture in formato XML devono essere firmate digitalmente dal fornitore/prestatore con una propria firma digitale e, successivamente, essere conservate digitalmente a norma per 10 anni.

Imprese e professionisti potranno fatturare verso altri soggetti privati in formato elettronico o cartaceo, ma chi sceglierà il sistema tradizionale, oltre a non aver diritto agli incentivi su indicati, dovrà pagare un costo in più in termini di adempimenti burocratici.

Le fatture elettroniche dirette ai privati potranno essere:

  • create secondo un formato strutturato, firmate digitalmente e inviate via SdI;
  • create secondo un formato strutturato, ma non necessariamente firmate digitalmente, e inviate via EDI (Electronic Data Interchange);
  • create e inviate in formato elettronico, non necessariamente strutturato, né firmate digitalmente.

In ogni caso, anche le fatture elettroniche b2b vanno conservate digitalmente così come quelle destinate alle PA.

Digitalizzare i processi, il vero vantaggio della Fatturazione Elettronica

Digitalizzare processi

Per ottenere vantaggi e benefici sostanziali dal passaggio alla Fatturazione Elettronica è necessario non limitarsi a una semplice sostituzione del formato cartaceo con quello elettronico.

Liberare l’ufficio dal peso della carta è certamente già vantaggioso, in quanto consente di eliminare una serie di costi legati ad attività di trascrizione dati, fascicolazione, classificazione, movimentazione, invio di documenti, oltre che alla loro conservazione.

È però molto più conveniente e vantaggioso compiere un passo in più e adottare un approccio a più ampio raggio, regolamentato in dettaglio e orientato alla gestione per processi, rispetto a un approccio parziale e di minor impatto organizzativo. Una gestione ibrida dei processi aziendali, in parte cartacea e in parte elettronica, rischia di vanificare gli sforzi sostenuti per dotarsi di strumenti digitali e ridurre fortemente i benefici attesi, in termini di efficienza, produttività e risparmio.

Non possiamo che essere pienamente d’accordo con Paolo Catti, responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano, quando afferma che «il vero valore della Fatturazione elettronica non è quello di poter inviare fatture senza passare dalla posta cartacea e dal postino, bensì quello di stimolare le imprese a emettere, ricevere e gestire documenti transazionali di business in formato elettronico elaborabile».

4 maggio 2016

SCOPRI TUTTE LE NOSTRE SOLUZIONI INNOVATIVE PER PASSARE AL DIGITALE SU

soluzioni infocert

www.infocert.it

InfoCert

Leading company in the field of Qualified Trusted Solutions, helping organizations digitize every business process with simple, efficient and state-of-play management solutions.

Dicci cosa ne pensi